CONSIGLI PER LE VENDITE

Sei tra quei fortunati che ha a disposizione un budget per mettere su un’impresa?

Non lasciare che l’occasione vada sprecata e ritrovarti poi a fare i conti con spese che non avevi previsto!

Quali potrebbero essere quelle spese non previste dal tuo bellissimo progetto per la tua nuova azienda?
Hai previsto i costi di locazione, quelli di consumo, quelli di ristrutturazione, quelli di distribuzione, quelli del personale, quelli dei fornitori … di tutti i fornitori?
Tra i tuoi fornitori sei certo di non averne dimenticato almeno uno? Se hai questa convinzione e poi ti accorgi che quella voce di spesa assolutamente necessaria per il futuro della tua impresa non l’avevi valutata, allora sei in un bel guaio. HAI INSERITO TRA I COSTI FISSI QUELLI RELATIVI ALLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA? Mi auguro di si.

Iniziare una nuova impresa senza comunicarlo all’esterno è come per una gallina fare un uovo senza crocchiare il classico COCCODE’, innaturale!
Qualsiasi progetto di impresa necessita di contemplare tra le spese da sostenere con continuità quelle di comunicazione pubblicitaria. Deve essere una voce da inserire fin dall’inizio e tra quelle che hanno priorità di fondi. L’efficacia del concetto sottolineato dalla famosa frase “la pubblicità è l’anima del commercio” non ha una scadenza. Oggi più che in passato, data la forte concorrenza in tutti i settori merceologici, la comunicazione pubblicitaria aiuta le imprese ad emergere rispetto alle altre, a fare la differenza, a chiarire ai potenziali clienti il proprio posizionamento nel mercato globale. I nuovi media danno la possibilità a tutti di costruire la propria immagine con una rapidità straordinaria e solo chi non riesce o non vuole stare al passo rischia di restare nascosto tra le maglie di una rete che collega e sostiene miliardi di parole, idee e immagini che mutano continuamente. Grazie all’apporto di amici e parenti che “masticano di tecnologia”, la sensazione che in tale rete ci si possa destreggiare facilmente induce tanti a commettere l’errore di perdere del tempo, troppo tempo in relazione alla rapidità con cui si muovono i competitors seguiti invece da professionisti del settore della comunicazione pubblicitaria.

POCHE REGOLE DA SEGUIRE COME POLLICINO FA CON LE SUE MOLLICHE.
1. brand identity: dai un nome alla tua impresa, che dia solidità e riconoscibilità alla tua idea.

2. corporate identity: mostra cosa sai fare e come lo fai.

3. communication & marketing consulting: contatta un professionista ed affida a lui la comunicazione pubblicitaria della tua impresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *